Scelta del mouse: normale, ergonomico o verticale – Combattere tendiniti e tunnel carpale

 

Poco tempo fa su questo blog ho recensito un mouse ergonomico verticale. Oggi voglio approfondire questo discorso con un articolo che, spero, possa tornarvi utile.

Per chi, come me, il PC non rappresenta solo uno svago ma un compagno di lavoro giornaliero, l’utilizzo del mouse corretto è una necessità imprescindibile. Nel bene o nel male è qualcosa che abbiamo fra le mani 8-10 ore al giorno.

 

Dimensioni

Le dimensioni contano, e non è un semplice modo di dire. Scegliere un mouse troppo grande per una mano piccola forzerà l’utilizzatore ad avere le dita sempre distese. Questo costringe i muscoli della mano ad uno sforzo, quando invece a riposo tendono a mantenere la mano leggermente chiusa, più o meno come quando si impugna una lattina.

Viceversa, un mouse troppo piccolo usato con una mano grande costringerà a mantenere contratti i muscoli delle dita per tutto il tempo di utilizzo.

Mouse troppo piccolo

 

Allora più che mai è importante scegliere un mouse che si adatti alla grandezza della nostra mano. Il consiglio è sempre quello di provare personalmente un mouse prima di acquistarlo. Se poggiandovi la mano il corpo del mouse riempie perfettamente il palmo e, contemporaneamente, tasti e rotella di scorrimento sono facilmente accessibili, con buone probabilità avete scelto il mouse giusto per le vostre mani.

Guarda anche:  Bitcoin e Criptovalute spiegati a mio padre
Mouse della giusta grandezza

 

Mouse normale, ergonomico o verticale?

Per molti (troppi!) anni ho usato qualsiasi mouse mi capitava sottomano. Da qualche tempo però, dopo aver iniziato a soffrire di tendiniti alla mano destra, mi sono deciso a provare un mouse ergonomico.

Il problema principale era che gran parte dei mouse in commercio è disegnata per adattarsi alle necessità sia dei destrimani che dei mancini: giocoforza questi dispositivi sono progettati con l’impugnatura orizzontale.
Questo crea un problema di torsione del polso, costringendolo ad una posizione innaturale che, se mantenuta per lungo tempo, può portare ad infiammazioni e tendiniti come nel mio caso.

Torsione del polso con mouse ad impugnatura orizzontale

 

Dopo varie prove, quindi, la scelta è ricaduta sul mouse ergonomico inclinato HP X7500, un dispositivo comodissimo e perfetto per la mia mano. La posizione inclinata di circa 30 gradi consente alla mano ed al polso di restare rilassati.

Mouse ergonomico inclinato a 30 gradi

 

Un altro ottimo mouse inclinato che usano alcuni colleghi è il Logitech MX Master che, oltre ad essere comodo è anche molto bello esteticamente e ricco di funzioni.

Recentemente ho avuto modo di provare un mouse verticale, che promette di mantenere ancora più rilassati polso ed avambraccio, grazie all’inclinazione dell’impugnatura che supera i 70 gradi.

Andiamo quindi a vedere la differenza fra i tre mouse descritti:

Da sinistra: mouse orizzontale, mouse ergonomico inclinato, mouse verticale

 

Vediamo che il mouse verticale ha un’impugnatura inusuale ma, credetemi, davvero comoda. Bisognerà farci l’abitudine ma, alla fine, si hanno dei grandi vantaggi su polso ed avambraccio.

Guarda anche:  Amazon Prime Day 2018 - Ci siamo! Offerte e sconti per 36 ore
Impugnatura di un mouse ergonomico verticale

 

Se un mouse verticale vi sembra un’alternativa troppo “spinta”, il mio consiglio è quello di iniziare con un mouse inclinato come il Logitech MX Master o l’HP X7500.

Questa la mia esperienza in breve. E voi, quale mouse utilizzate? Scrivetelo nei commenti o sulla mia pagina Facebook!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − 1 =