Stampa in 3D – Cosa c’è da sapere – Puntata 2

Tempo di lettura 3 minuti

Nella prima puntata dedicata alla stampa 3D abbiamo introdotto alcuni argomenti: la stampante (nel mio caso una Anet A8), i modelli di stampa – ed i repository dove trovarne – e lo slicer.

Oggi vado a parlare di due nuovi argomenti importanti per cominciare: i filamenti ed il setup iniziale.

 

Filamenti per stampanti 3D: PLA e ABS. Quali scegliere

In commercio vi sono vari materiali per stampanti 3D, alcuni innovativi come il PETG, altri più tradizionali come ABS e PLA. L’Anet A8 può stampare usando filamenti nei due materiali più comuni: il PLA e l’ABS.

  • L’ABS è il materiale con le migliori caratteristiche plastiche: migliore a livello di rigidità e leggerezza rispetto al PLA, ha lo svantaggio di rilasciare piccole emissioni dannose per la salute se riscaldato troppo. E’ consigliabile quindi non respirarne i fumi ed areare il locale dopo un utilizzo intenso.
  • Il PLA è un derivato del mais, biodegradabile, dalle caratteristiche plastiche meno pregiate che può essere estruso a temperature inferiori rispetto all’ABS e che non emette fumi dannosi per l’uomo.

Entrambi i materiali sono abbastanza economici e facilmente reperibili in commercio in varie colorazioni e calibri. A meno di specifiche esigenze, il PLA è il materiale più consigliato nonché quello che ho deciso di utilizzare per le mie stampe.

Guarda anche:  Penne 3D: Cosa sono e come funzionano? Le ho provate per voi - Recensione

Se non siete dei maker professionisti, 1 kg di filamento di diametro 1.75 mm per l’Anet A8 vi durerà tantissimo.
Al momento sto stampando con filamento PLA bianco GEEETECH da 1.75 mm, probabilmente il miglior filamento economico che può essere acquistato su Amazon.

 

Il setup della stampante 3D

Ora che abbiamo montato la stampante, scelto un filamento, scaricato un modello di stampa e preparato un file G-CODE con lo slicer è il momento di stampare.

La procedura che vi vado ad illustrare può sembrare complicata ma, dopo le prime volte, ci avrete preso la mano e vi verrà automatica.

1 – Livellare il piatto di stampa

Questa è la parte più delicata, a mio avviso. Se la procedura non è eseguita bene, il rischio è quello di ritrovarsi con un piatto non ben allineato e quindi che il materiale non si depositi in maniera uniforme.

L’idea alla base del livellamento del bed è che la punta dell’estrusore debba trovarsi poco al di sopra del piatto di stampa, quasi a contatto. Passando un foglio di carta (va benissimo un normale A4 per fotocopiatrici) fra l’estrusore ed il piatto, questo deve scorrere con un leggero attrito.

I passi da deguire sulla Anet A8 sono descritti in questo video che ho realizzato per voi:

 

Anet A8 – Allineamento e calibrazione heatbed

 

 

2 – Spruzziamo un po’ di lacca

Per migliorare l’aderenza del pezzo al bed è possibile spruzzare un po’ di lacca economica extra forte. Questo eviterà che il pezzo si stacchi durante la stampa.

Dobbiamo solo fare attenzione ad evitare di spruzzare la lacca su altre parti come l’estrusore, i motori e le guide.

Nota: Come avrete notato, sul bed in alluminio ho aggiunto un vetro spesso 3mm. Questo per avere una migliore superficie di stampa e per la comodità di poterlo rimuovere per pulirlo da residui di lacca e materiale di stampa.

 

In conclusione

Oggi abbiamo parlato di filamenti e di setup della stampante. Nella prossima puntata vi spiegherò l’uso dello slicer e qualche trucco per ridurre i tempi di stampa e migliorare la qualità del prodotto finito.

 

Post Correlati

Stampa in 3D – Cosa c’è da sapere R... Questo è il primo di una serie di articoli dedicati alla stampa 3D. Racconterò la mia esperienza, le prove effettuate, le Mod alla stampante 3D e tant...
Stampa in 3D – Tutorial Ultimaker Cura 4 ... Nella prima puntata dedicata alla stampa 3D abbiamo introdotto alcuni argomenti: la stampante (nel mio caso una Anet A8), i modelli di stampa - ed i r...
Penne 3D: Cosa sono e come funzionano? Le ho prova...   Alla ricerca di un regalo particolare mi sono imbattuto nel fantastico mondo delle penne 3D, ho deciso quindi di provarne una per voi. &n...
Amazon Prime Day 2019 – Giorno 2 – Off... Ed eccoci al secondo giorno dell'Amazon Prime Day 2019 Chi può partecipare? Possono partecipare tutti gli a tutti gli abbonati Amazon Prime. Se non ...

Nicola Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *