Stampa in 3D – Tutorial Ultimaker Cura 4 – Slicer – Puntata 3

Tempo di lettura 2 minuti

Nella prima puntata dedicata alla stampa 3D abbiamo introdotto alcuni argomenti: la stampante (nel mio caso una Anet A8), i modelli di stampa – ed i repository dove trovarne – e lo slicer.

Nella seconda puntata abbiamo quindi parlato di filamenti e della calibrazione del piatto di stampa.

Oggi vado a spiegare il funzionamento dello slicer con un tutorial su Ultimaker Cura 4.

 

Ultimaker Cura 4

Come abbiamo visto nella prima puntata dedicata all’argomento, la stampa di un oggetto in 3D avviene a strati, partendo dal basso. Ogni strato è una fetta o slice. Per dire alla stampante 3D come procedere è necessario creare un file G-CODE (il linguaggio delle macchine a controllo numerico) utilizzando un programma apposito chiamato slicer.

Lo slicer prende in pasto un modello 3D – generalmente in formato STL – e genera il codice G-CODE sulla base del pezzo da stampare e delle impostazioni che gli abbiamo dato.

Uno degli slicer più utilizzati è Ultimaker Cura, gratuito e ampiamente supportato nella community dei maker.

Ultimaker Cura 4
Ultimaker Cura 4

A questo punto potrei scrivere tantissimo, riempiendovi la testa su configurazioni ed impostazioni varie da inserire all’interno di Cura o, come in realtà ho fatto, vi lascio ad un tutorial su Ultimaker Cura 4 che ho realizzato per voi.

Tutorial Ultimaker Cura 4 – Guida per principianti

I parametri della stampante Anet A8 da inserire in Cura sono:

Guarda anche:  Stampa in 3D - Cosa c'è da sapere - Puntata 2
Impostazioni Anet A8
Impostazioni Anet A8
Impostazioni estrusore Anet A8
Impostazioni estrusore Anet A8

In ultimo, vi incollo il G-CODE di configurazione di Cura che vedete nel video per la mia Anet A8. Il codice originale l’ho a mia volta trovato sul forum GizChina.

START G-CODEEND G-CODE
G21 ;metric values
G90 ;absolute positioning
M82 ;set extruder to absolute mode
M107 ;start with the fan off
G28 X0 Y0 ;move X/Y to min endstops
G28 Z0 ;move Z to min endstops
G1 Z15.0 F9000 ;move the platform down 15mm
G92 E0 ;zero the extruded length
G1 F200 E3 ;extrude 3mm of feed stock
G92 E0 ;zero the extruded length again
G1 F9000;Put printing message on LCD screen
M117 Printing..0
M104 S0 ;extruder heater off
M140 S0 ;heated bed heater off (if you have it)
G91 ;relative positioning
G1 E-1 F300 ;retract the filament a bit before lifting the nozzle, to release some of the pressure
G1 Z+0.5 E-5 X-20 Y-20 F9000 ;move Z up a bit and retract filament
G28 X0 Y0 ;move X/Y to min endstops, so the head is out of the way
M84 ;steppers off
G90 ;absolute positioning

In conclusione

Oggi abbiamo parlato come utilizzare Ultimaker Cura per preparare le stampe prima di essere inviate alla stampante 3D. Seguitemi nelle prossime puntate per imparare nuove cose sul mondo della stampa 3D. Alla prossima!

Guarda anche:  Stampa in 3D - Cosa c'è da sapere - Puntata 1

 

Post Correlati

Stampa in 3D – Cosa c’è da sapere R... Nella prima puntata dedicata alla stampa 3D abbiamo introdotto alcuni argomenti: la stampante (nel mio caso una Anet A8), i modelli di stampa - ed i r...
Stampa in 3D – Cosa c’è da sapere R... Questo è il primo di una serie di articoli dedicati alla stampa 3D. Racconterò la mia esperienza, le prove effettuate, le Mod alla stampante 3D e tant...
Penne 3D: Cosa sono e come funzionano? Le ho prova...   Alla ricerca di un regalo particolare mi sono imbattuto nel fantastico mondo delle penne 3D, ho deciso quindi di provarne una per voi. &n...
Amazon Prime Day 2019 – Giorno 1 – Off... Ci siamo! E' cominciato ufficialmente l'Amazon Prime Day 2019, 36 ore durante le quali sarà possibile accedere ad offerte imperdibili su migliaia di ...

Nicola Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *