Cuffie a cancellazione di rumore – Come funzionano?

Tempo di lettura 3 minuti

Dopo aver recensito varie cuffie ed auricolari a cancellazione di rumore ambientale, oggi voglio approfondire questo tema con un articolo ad-hoc.

Soppressione di rumore passiva

Quando parliamo di “soppressione di rumore passiva” facciamo riferimento a tutte quelle tecniche, costruttive e di forma, volte a filtrare passivamente i rumori ambientali.

Due esempi classici sono gli auricolari in-ear, che bloccano i suoni esterni “tappando” le orecchie, così come fanno i normali tappi di gomma e le cuffie over-ear che avvolgono l’orecchio interamente e che, anche grazie alla forma ed ai materiali costruttivi, garantiscono un filtraggio passivo dei suoni esterni.

Questo genere di soppressione funziona molto bene sui suoni alti, mentre lascia passare i suoni medi e bassi. Il motore di un aereo o lo sferragliare di un treno ci arriveranno comunque alle orecchie, pur se leggermente attenuati.

ANC – Active Noise Cancelling

La cancellazione attiva dei rumori ambientali – o Active Noise Cancelling, ANC – è un concetto basato sulla risposta attiva di un segnale di fase inversa al rumore ambientale.

Un circuito riceve il suono circostante dai microfoni, analizza il rumore ambientale e genera quindi un contro-rumore per attenuarlo. La sensazione sarà quella di trovarsi in una sorta di “bolla” in cui i rumori di fondo sono annullati.

L’ANC funziona molto bene sui rumori “bianchi” e continui, come quelli tipici dei treni o dei motori degli aerei, mentre è molto difficile annullare suoni “impulsivi” come oggetti che cadono, clacson delle auto o gente che parla. La tecnologia migliora ogni giorno ed oggi abbiamo le Sony WH-1000X che riescono ad attenuare gran parte dei suoni, fatta eccezione per queli impulsivi.

Il prezzo da pagare per la cancellazione attiva è un leggero fruscio dovuto alla risposta in fase inversa generata dagli altoparlanti delle cuffie ed una generale compressione delle frequenze, soprattutto medie, quando l’ANC è attiva.

Confronto fra Soppressione passiva ed ANC

grafico di confronto fra soppressione passiva e cancellazione attiva di rumore

Come dicevamo in precedenza, la soppressione passiva lavora molto bene sulle frequenze più alte ma non su quelle basse, così come possiamo notare dalla linea rossa.

La cancellazione attiva di rumore, identificata dalla linea gialla, è invece molto più efficace già alle basse frequenze, aiutando quindi ad isolare più uniformemente i rumori ambientali.

Considerazioni Finali

⚠️ Nonostante la soppressione di rumore sia una grande comodità, il consiglio è quello di prestare attenzione all’ambiente che vi circonda. Se avete l’abitudine di girare a piedi nel traffico cittadino è un attimo restare troppo isolati e non accorgervi di un veicolo in arrivo.

Nicola Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *