Capsule ricaricabili in acciaio per caffè Nespresso – Funzionano? – Pro e Contro

Tempo di lettura 4 minuti

Come già dicevo nella recensione della macchina per il caffè Nespresso Essenza Mini, non ho mai amato le capsule usa-e-getta per via del fatto che non sono riciclabili e che il caffè viene a costare molto più.

Un’alternativa è sicuramente l’uso delle capsule compostabili come le ottime Caffè Vergnano, ma non tutte le marche le hanno ancora in vendita. Così ho deciso di acquistare delle capsule ricaricabili in acciaio per macchine Nespresso. Vediamo com’è andata!

Compatibilità

Purtroppo le capsule non sono compatibili con tutte le macchine, ma solo con quelle per cui sono state pensate: avere una macchina Nespresso non compatibile significa non poterle utilizzare. Fate quindi attenzione che le capsule siano compatibili con il vostro modello specifico. Per aiutarvi, qui sotto trovate una lista di macchine compatibili con le capsule ricaricabili che ho acquistato.

Macchine compatibili con capsule ricaricabili.
Macchine non compatibili con capsule ricaricabili.

Praticità

Sicuramente andiamo a perdere in praticità rispetto alle capsule usa-e-getta. Caricare il caffè in una capsula ricaricabile è abbastanza complicato e serve un cucchiaino piccolo, ma anche così un po’ di caffè andrà fuori e dovremo pulire il piano della cucina o il tavolo su cui stiamo effettuando l’operazione.

Abbiamo poi il problema di dover stimare bene la quantità di caffè da inserire: troppo poco e verrà fuori un caffè molto allungato (decisamente non un espresso a cui siamo abituati ma qualcosa di più simile ad un caffè americano), troppo caffè e la pressione dell’acqua non sarà sufficiente, mandando la macchina in blocco. Un buon compromesso è quello di riempire la capsula all’80% e pressare un po’.

Le capsule in acciaio sono lavabili con acqua e sapone per piatti o in lavastoviglie.

Risultato

Purtroppo i risultati, dopo varie prove, sono abbastanza scadenti.
Il problema principale è che parte inferiore della capsula (da dove il caffè viene erogato) ha dei buchi troppo grandi e non è presente un filtro come invece è avviene nelle capsule usa-e-getta.

per questo motivo, senza filtro, la polvere di caffè esce dalla capsula, andando a finire nella tazzina.

Addirittura, in una delle prove effettuate, quella con la capsula piena al 100%, la pressione dell’acqua ha spinto gran parte del caffè fuori, andando a riempire la tazzina di polvere al punto da renderlo imbevibile!

Conclusioni

Basterebbe poco per rendere questi prodotti decisamente migliori. La principale mancanza è quella di un set di filtri di cellulosa che potrebbero risolvere il problema della polvere di caffè che finisce nella tazzina.
Per coloro i quali, come me, sono disposti a perdere un po’ in praticità per risparmiare soldi e ridurre i rifiuti che ammorbano il Pianeta, le capsule ricaricabili sarebbero un’ottima alternativa a quelle usa-e-getta.
Al momento, però, sono da rivedere: non le consiglierei.

 
 
 
 
 
 
 
 

Nicola Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *