Covid-19 – Netflix, Youtube e Prime Video riducono la qualità video

Tempo di lettura 1 minuti
credit Pixabay

Netflix e Youtube hanno annunciato che è stata ridotta la qualità dello streaming video in Europa per i prossimi 30 giorni.

La pandemia causata del coronavirus SARS-CoV-2, infatti, ha costretto a casa centinaia di milioni di persone nell’Unione Europea, facendo schizzare alle stelle il consumo di banda dovuto alle piattaforme di streaming on-line.

Come se non bastasse, l’aumento esponenziale del gaming online, del telelavoro, delle videoconferenze fra colleghi, delle videochiamate fra amici e parenti e delle lezioni online ha aggravato una situazione già precaria, mettendo in seria difficoltà l’infrastruttura Internet europea, al punto da essere stata più volte vicina al collasso.

Un portavoce Netflix ha dichiarato alla CNNStimiamo che questo ridurrà il traffico di Netflix sulle reti europee di circa il 25%, garantendo al tempo stesso un servizio di buona qualità per i nostri membri“.

Anche Google, proprietaria di Youtube, ha dichiarato “Continueremo a lavorare con i governi degli Stati membri e gli operatori di rete per ridurre al minimo lo stress sul sistema, offrendo al contempo una buona esperienza all’utente“.

In ultimo, anche Amazon Prime Video sta mettendo in campo soluzioni simili per venire incontro all’esigenza di ridurre la pressione sulle reti alla base di Internet.

Una soluzione che ridurrà in maniera quasi impercettibile la qualità dei video fruiti dagli utenti europei, ma che eviterà il collasso della rete Internet proprio nel momento in cui gran parte della popolazione è rinchiusa in casa.

Nicola Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *