Robot aspirapolvere e lava pavimenti – Kyvol E31 – Recensione

Robot aspirapolvere e lavapavimenti

7.9

Kyvol E31

7.9/10
Tempo di lettura 6 minuti

Ho da poco acquistato il robot aspirapolvere e lava pavimenti Kyvol E31, per cui vorrei darvi la mia opinione sul funzionamento.

Descrizione ed estetica

Il robot aspirapolvere e lava pavimenti Kyvol E31 ha una finitura nera opaca con un piano lucido che sembra vetro. Misura circa 33 cm di diametro e poco più di 7 cm di altezza, il ché lo rende abbastanza sottile da adattarsi alla maggior parte dei mobili.

Sulla parte superiore troviamo i pulsanti Home e Clean/Pausa che cambiano colore per indicare la carica e lo stato della batteria, così come un indicatore di segnale Wi-Fi.

Sul fondo dell’aspirapolvere c’è una spazzola laterale rotante, una spazzola a rullo che può essere facilmente rimossa per la pulizia, una ruota omnidirezionale, un paio di ruote motrici e l’interruttore di accensione.

Il bidone per la polvere da 0,6 litri si trova sul retro dell’aspirapolvere e può essere sostituito con un serbatoio dell’acqua da 0,3 litri quando si desidera lavare il pavimento.

Funzionamento

Montaggio

Montiamo una delle spazzole laterali sul fondo dell’aspirapolvere, colleghiamo la dock di ricarica alla corrente, accendiamo l’interruttore di alimentazione (posto sul fondo dell’aspirapolvere) e posizioniamo a mano – solo la prima volta – il robot sui contatti della dock di ricarica.

Ricarica

Affinché batteria si carichi completamente dovremo attendere 5-6 ore. La batteria da 3200 mAh dura all’incirca 150 minuti di funzionamento. Saprete che la batteria è piena quando i LED sopra il vuoto passano dall’arancione pulsante al blu fisso. Quando la batteria si scarica durante la pulizia, questi cambieranno di nuovo da blu ad arancione fisso e infine lampeggeranno di rosso quando il livello della batteria è molto basso.

Modalità di pulizia

Il robot ha 3 modalità di pulizia, attivabili da telecomando o da App per smartphone.

  • Auto: pulisce tutto lo spazio accessibile proseguendo a zig-zag con aspirazione media
  • Spot: indicata in quelle stanze che necessitano di una pulizia più profonda. In questa modalità il robot procede in tondo più volte su un raggio di circa 1 m.
  • Edge: si concentra sul perimetro della stanza, cercando di pulirne i lati.

Lavaggio pavimenti con acqua

Non aspettatevi grandi risultati dalla funzionalità lava pavimenti. Il serbatoio da 0,3 litri è sufficiente ad inumidire il panno per la pulizia di una stanza grande.

Non è un problema specifico di questo modello, ma un limite fisico: si tratta di robottini leggeri e con scarsa capacità, per giunta che lavorano senza detersivo. Insomma, vano bene per una pulizia superficiale ma per lavare bene il pavimento bisognerà armarsi di secchio e straccio!

App e integrazione con Google Home ed Amazon Alexa

Oltre al telecomando fornito nella confezione, questo robot aspirapolvere può essere comandato via Wi-Fi anche da App per iOS ed Android.
Molto semplice da configurare (i passi sono 3 di numero), ci consentirà di avviare la pulizia, effettuare la configurazione, impostare gli orari e ricevere le notifiche (errori, completamento pulizia, ecc.).

La parte che più mi ha divertito è quella in cui si può vedere la mappa delle stanze in cui l’aspirapolvere è passato a pulire.

Questo dispositivo si integra anche con Google Home ed Amazon Alexa, così sarà possibile attivarlo anche con comandi vocali, per quanto il controllo sia abbastanza limitato.

Come funziona? Quali sono i problemi?

Tendenzialmente è un dispositivo che consiglio di lasciare lavorare durante il giorno, ad esempio quando siamo fuori casa per lavoro. Programmando intelligentemente gli orari di pulizia, torneremo a casa e la troveremo già pulita.

Qui una lista di problemi e consigli di cui vorrei parlarvi:

  • Tappeti: si muove abbastanza bene sui tappeti – soprattutto quelli bassi e “compatti”, anche se ogni tanto incontra qualche difficoltà con i tappeti più “cotonosi” (non saprei descrivere meglio quei tappeti molto soffici)
  • Cavi: I cavi elettrici invece sono un problema: spesso ci si impiglia e non riesce ad uscirne. Consiglio: alzate i cavi delle lampade, dei PC e staccate i caricatori dei telefoni per evitare problemi.
  • Sedie e divani: le sedie vanno alzate da terra, stop. Non lasciatele giù o vi troverete le stanze pulite a macchia di leopardo. I divani possono essere un problema se più bassi di 8 cm. Il mio ha uno spazio di 8 cm esatti, ma in un punto ha un po’ “ceduto”, per cui il robot a volte fa fatica a passare o ci si incastra.
  • Capelli lunghi: sono il suo tallone d’Achille. Se vi sono molti capelli lunghi in casa vostra, dovrete rimuoverli dal rullo e dalla spazzola laterale ad ogni pulizia. C’è un attrezzo incluso nella scatola per questo. È importante togliere i capelli dai rulli, in caso contrario potrebbero incastrarsi e bloccare il funzionamento del dispositivo.
  • Zone “vietate”: può capitare che ci siano zone alle quali non vogliamo dare accesso per qualche motivo (ad esempio un PC con molti cavi che non vogliamo spostare ogni volta). In questo caso ci viene in aiuto un nastro magnetico incluso nella confezione che, posizionato per terra, crea una “barriera” invalicabile per il robot aspirapolvere.
  • Scale: il sensore anti-caduta è efficace, ma va pulito regolarmente. Rileva le scale senza problemi ed evita che il robot possa cadere accidentalmente.

Caratteristiche tecniche

– Potenza in ingresso: 28 W
– Alimentazione: 14.4V DC
– Batteria: Li-ion da 3200 mAh
– Tempo di ricarica: 5-6 ore
– Potenza di aspirazione: 3 livelli
– Capacità del bidone della polvere: 600 ml
– Capacità serbatoio dell’acqua: 300 ml

Contenuto della confezione

– Robot aspirapolvere
– Base di ricarica e adattatore di alimentazione
– 2 batterie stilo AAA
– Serbatoio dell’acqua
– 2 panni lavabili
– Spazzola laterale di ricambio
– Ricambio HEPA e Spugna
– Banda magnetica (2 m) e tamponi adesivi
– Spazzola per la pulizia
– Manuali utente multi-lingua

Conclusioni

Come dicevo, questo genere di dispositivi è utile per chi è fuori casa tutto il giorno e preferisce demandare le pulizie giornaliere al robot. Ogni tanto dovremo comunque pulire a mano, perché restano scoperti angoli e zone non raggiungibili dai robot.

Probabilmente per le mie esigenze sarebbe stato sufficiente un robot con sola funzionalità di aspirapolvere. In effetti la pulizia dei pavimenti la faccio ancora a mano.

Nicola Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *