Tester per terreno e piante – 3 in 1: pH, umidità e luce – Recensione

Tempo di lettura 3 minuti
Immagine introduttiva terreno.credit: pxhere.com

Nella cassetta degli attrezzi di chi ha il pollice verde non può mancare un Tester per terreno.

Oggi vi spiego perché è importante un tester per terreno e piante, parlandovi di un tester 3 in 1 con misurazione di PH, umidità e luce.

Cos’è un tester per terreno

Partiamo dalle basi. Una pianta per crescere bene ha bisogno di alcune condizioni essenziali: una quantità sufficiente di nutrienti, la giusta luce, la giusta temperatura, la giusta umidità alle radici ed il giusto pH.

Se per la temperatura abbiamo a disposizione il termometro, per tutte le altre condizioni ci viene incontro un tester per terreno, che è uno strumento atto a misurare il pH, l’umidità e la luce che ricevono le piante.

Misurare l’umidità del terreno

Un terreno troppo secco farà inevitabilmente morire di sete le nostre piante, viceversa un terreno troppo umido soffocherà le radici fino a farle a marcire.

È bene assicurarsi che le piante ricevano la giusta dose d’acqua e che il terreno abbia la corretta umidità.

Misurare il pH del terreno

Chi ha la passione del giardinaggio sa che non tutti i tipi di terreno vanno bene per ogni pianta.

Alcune piante, dette acidofile, hanno bisogno di terreno con pH acido; fra queste rientrano le ortensie e le azalee.
Altre piante, come le rose ed i garofani, sono dette basofile, perchè vogliono un pH alkalino o basico.

È quindi importante assicurare il giusto pH per ottenere delle piante rigogliose.

Una piccola curiosità: i fiori delle ortensie cambiano colore in base al pH del terreno: blu/violetto per terreni acidi (pH 5), sfumando poi verso il bianco ed infine il rosso per terreni neutri (pH 6 – 6.5).

Misurare la luce

La luce del sole è molto importante per innescare il processo di fotosintesi clorofilliana, con la quale le piante sintetizzano i nutrimenti necessari alla loro sopravvivenza.

Anche in questo caso ogni pianta ha bisogno di una diversa quantità di luce e di un’esposizione ottimale al sole. Alcune piante prediligono la luce diretta, mentre altre crescono molto bene in zone più ombreggiate.

Felci, anemoni ed ortensie sono piante che crescono molto bene all’ombra.

Anche in questo caso un misuratore di luminosità ci può dare l’idea di quanta luce arriva alle nostre piante.

Tester per terreno 3 in 1

Il tester per terreno 3 in 1 che uso è molto semplice: si tratta di uno strumento composto da due lunghi aghi metallici che vanno inseriti a fondo nel terreno per effettuare la misurazione di pH ed umidità. È importante attendere circa 15 minuti dopo averlo posizionato per avere un risultato attendibile.

La parte superiore è composta da un indicatore a lancetta con le misure di pH, luminosità ed umidità, la cui selezione può essere impostata da un interruttore posto al centro.

Sempre al centro vi è un piccolo sensore di luminosità che funge anche da “alimentazione”. Questo tester, infatti, ha il grande vantaggio di funzionare senza batterie!

Nicola Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *