Allarme – Antifurto iAlarm XR Wireless – La Recensione

Antifurto iAlarm XR

9.5

iAlarm XR5

9.5/10

Pro

  • Facile configurazione
  • Assistenza italiana
  • Prezzo contenuto
  • Wireless e Filare
  • Resistente agli attacchi

Contro

  • No porta ethernet RJ45
  • No pulsantiera e schermo
  • No accesso da web browser
Tempo di lettura 6 minuti
 

Dopo 5 anni di utilizzo dell’antifurto casa iAlarm Guard, del quale avevo scritto nelle mie precedenti recensioni (iAlarm Guard e iAlarm Guard 2 anni dopo), ho deciso di provare il nuovo allarme iAlarm XR5. Vediamo insieme le differenze.

Descrizione

Distribuito dall’italiana Guard srl (conosciuta anche come AntifurtoCasa 365), l’allarme iAlarm XR è venduto prettamente online in Kit configurabili dall’utente ed in differenti versioni (a doppia, tripla e multi frequenza).

Configurare un kit online è abbastanza semplice se si ha una base di competenze tecniche, ma la cosa che più apprezzo di questo prodotto è che mettono a gratuitamente disposizione dei clienti l’assistenza di tecnici qualificati italiani.

È un antifurto con possibilità di espansione con tanti sensori bidirezionali a tripla frequenza 868 Mhz ,433 Mhz e 434 Mhz, compatibilità Google Home, Alexa e IFTTT, troviamo una buona app per Android ed iOS (iAlarm XR) ed è facilmente configurabile.
Anzi, arriva già tutto configurato ed appaiato alla centrale. Di fatto è solo necessario montare il tutto e collegarsi alla centrale via APP come descritto nel manuale incluso nella scatola.

Per chi è già possessore di un vecchio allarme iAlarm, segnalo che la nuova centrale iAlarm XR è pienamente compatibile con i sensori della precedente centrale iAlarm Guard, per cui possiamo decidere di acquistare solo la centrale iAlarm XR mantenendo i vecchi sensori.

L’allarme supporta la connettività Wi-Fi e GSM/GPRS con scheda SIM. Perde la porta ethrnet RJ45 che era presente nella vecchia centrale iAlarm, che io personalmente preferivo (ma capisco che ormai oggi tutti preferiscono connessioni Wi-Fi).

Il dispositivo è omologato RED (Radio Equipment Directive) ed è possibile collegarlo alle centrali di emergenza di Carabinieri e Polizia nonchè a tutti i servizi di vigilanza privata perchè compatibile con i CMS di questi ultimi.

App vs SMS

Utilissime le notifiche sia via SMS che tramite App per smartphone compatibile con iPhone ed Android.
Questo ci consentirà di essere avvisati anche in mancanza di connessione internet o mentre siamo all’estero ed il nostro piano dati non prevede il roaming.

Sempre da App iAlarm XR è possibile gestire le telecamere di sorveglianza, la domotica ed i sensori IFTTT con quella che hanno ribattezzato Infinity Unlimited, cioè la possibilità di monitorare sensori IFTTT a distanza di chilometri dalla centrale.

Supporto tecnico

Come cliente possessore di un antifurto iAlarm posso assicurare di essermi trovato più che bene. Il supporto tecnico risponde dall’Italia. Le risposte sono sempre state veloci e precise nel risolvere i problemi sia al telefono che via e-mail.

Sicurezza

La ragione principale per cui acquistiamo un sistema d’allarme è la sicurezza. Vogliamo che sia affidabile, preciso e difficilmente sabotabile. Ho quindi effettuato alcuni test che pubblicherò successivamente.

Posso anticiparvi che fra tecnologia anti-jamming per i sensori, anti-tampering e comunicazioni cifrate, il livello di sicurezza è molto buono.

Gamma di sensori disponibile

iAlarm XR dispone di una gamma di sensori molto vasta, al pari di altre marche blasonate e più costose, che va dai classici sensori porta\finestra con rilevamento d’urto e vibrazione, a PIR volumetrici da interno e da esterno, sensori rottura vetri, per tapparella, a tenda e vari altri sensori di sicurezza come rilevatori di fumo e di perdite di gas.
Troviamo anche una serie di sensori Pet Friendly, tarati per non scattare alla rilevazione di piccoli corpi in movimento come possono essere gli animali domestici.

Alla gamma di sensori classici si aggiungono in questo nuovo allarme anche telecamere di sorveglianza e domotica.

Come scritto in precedenza, con la tecnologia Infinity Unlimited è possibile inoltre installare sensori IFTTT a distanza di chilometri dalla centrale. Ad esempio sarebbe possibile monitorare via Internet i sensori presenti nella casa vacanza dalla centrale che abbiamo installato a casa in città.

È possibile inoltre collegare sensori filari alla centrale, che è compatibile con l’uscita NC (Normally Closed).

Il telecomando fornito in dotazione con il kit non è del tipo Rolling / Hopping Code. Io, opzionalmente, ho deciso di spendere pochi euro in più e comprarne due che supportano Rolling Code 66-bit.

Sirena da esterno G3

Per questo nuovo allarme ho mantenuto la Sirena da esterno G3 che già avevo.
Nel kit infatti troviamo una sirena da interno (o da esterno, purchè posizionata in una zona riparata dalla pioggia diretta) in omaggio. La sirena “base” offre un buon grado di sicurezza ma, se si vuole qualcosa di più efficace e robusto il consiglio è quello di affiancare una sirena da esterno G3.

Personalmente ho scelto di investire qualcosa in più ed acquistare una sirena da esterno con protezione anti-schiuma avanzata, tripla frequenza e sistema supervisionato. In questo caso sono andato sulla sirena G3, che è un prodotto di punta made in Italy.
Potendo scegliere fra 3 versioni – filare, wireless con alimentatore e wireless a batterie – ho preso la versione a batterie, avendo difficoltà a far arrivare l’elettricità su un balcone che purtroppo ne è sprovvisto. Come vedete nelle foto qui sotto, evito di avere fili e cavi sul muro.
Monta 6 batterie mezze torce C che per mia esperienza durano circa 2 anni, ma ovviamente dipende dall’uso che ne fate e da come impostate led di notifica e suoni. Parliamo comunque di batterie facilmente reperibili a pochi euro.

Obiettivamente è molto meglio della sirena che viene in omaggio col kit (che io ho messo sul secondo balconcino, per avere il segnale d’allarme su entrambi i lati dell’appartamento) e che effettivamente vale i soldi spesi.

Applicazione e Configurazione

L’allarme è facilmente configurabile da applicazione iAlarm XR. Le opzioni disponibili sono tantissime e le configurazioni sono davvero complete per ogni esigenza, dalla definizione di zone di allarme, alle impostazioni di notifica, alla modifica degli eventi che scatenano un allarme.

Purtroppo questa nuova versione dell’allarme non ha più l’accesso tramite browser web. Era una funzione che probabilmente usavamo in due in tutta Italia, ma a me tornava comoda.

Considerazioni finali

Stiamo parlando di un allarme per proteggere abitazioni e piccoli uffici che non ha la pretesa di essere un sistema di sicurezza pari a quello del caveau di una banca. Ci sono tanti produttori che dichiarano prestazioni di sicurezza mirabolanti che poi, nella pratica, servono solo come marketing per vendervi un allarme a prezzi maggiorati.

Considerando il prezzo – inferiore a molti concorrenti blasonati – i servizi offerti, la gamma di sensori e videocamere disponibili, la robustezza agli attacchi più comuni ed a quelli più particolari; considerando anche la completezza di informazioni che si possono trovare sul loro sito, la qualità dell’assistenza tecnica, il mio voto è nettamente positivo.

Sconto 10%
Coupon
Sconto del 10% per tutti gli acquisti effettuati sul sito Antifurto365 per i lettori del blog. More Less

Nicola Autore